Avvalersi di un amministratore di sostegno

Avvalersi di un amministratore di sostegno

L'amministratore di sostegno tutela e aiuta chi, anche temporaneamente, non è autonomo e non può provvedere ai propri interessi a causa di una menomazione sia fisica che psichica (Legge 09/01/2004, n. 6, art. 3, com. 1). L'amministratore di sostegno assiste le persone nell'affrontare problemi concreti e quotidiani, come investire somme di denaro e prestare consensi alle cure mediche.

L’amministratore di sostegno è nominato dal giudice tutelare e deve giurare di svolgere il proprio incarico con fedeltà e diligenza, tenendo conto dei bisogni del beneficiario. Può essere revocato se non è idoneo o se l'interessato non ne ha più bisogno.

La domanda deve essere presentata direttamente al tribunale competente.

Il giudice tutelare nomina l'amministratore di sostegno entro 60 giorni dalla presentazione della domanda.

In Comune di Correzzana…

La nomina di un amministratore di sostegno è un procedimento diverso dall'interdizione e dall'inabilitazione.

L’istanza di nomina deve essere presentata direttamente alla cancelleria del tribunale ordinario di Monza o in alternativa può essere depositata presso gli sportelli territoriali per la volontaria giurisdizione gestiti dalla Rete Fianco a Fianco. L’unico costo da sostenere è l’acquisto delle marche da bollo per depositare l’istanza.

La modulistica è reperibile sul sito internet del tribunale di Monza.

Per presentare l’istanza e ottenere la nomina non è necessaria l’assistenza di un legale.

Per ulteriori informazioni, rivolgiti agli sportelli territoriali per la volontaria giurisdizione gestiti dalla Rete Fianco a Fianco o all'ufficio servizi sociali del Comune.

Puoi trovare questa pagina in

Aree tematiche: Salute
Sezioni: Servizi sociali
Ultimo aggiornamento: 08/11/2018 14:00.58